Decreto Legislativo N° 81/08 - Articoli 268, 269, 270 

Normativa concernente l'impiego di agenti biologici

Art. 268. - Classificazione degli agenti biologici

  1. Gli agenti biologici sono ripartiti nei seguenti quattro gruppi a seconda del rischio di infezione:
    1. agente biologico del gruppo 1: un agente che presenta poche probabilità di causare malattie in soggetti umani;
    2. agente biologico del gruppo 2: un agente che può causare malattie in soggetti umani e costituire un rischio per i lavoratori; è poco probabile che si propaghi nella comunità; sono di norma disponibili efficaci misure profilattiche o terapeutiche;
    3. agente biologico del gruppo 3: un agente che può causare malattie gravi in soggetti umani e costituisce un serio rischio per i lavoratori; l'agente biologico può propagarsi nella comunità, ma di norma sono disponibili efficaci misure profilattiche o terapeutiche;
    4. agente biologico del gruppo 4: un agente biologico che può provocare malattie gravi in soggetti umani e costituisce un serio rischio per i lavoratori e può presentare un elevato rischio di propagazione nella comunità; non sono disponibili, di norma, efficaci misure profilattiche o terapeutiche.
  2. Nel caso in cui l'agente biologico oggetto di classificazione non può essere attribuito in modo inequivocabile ad uno fra i due gruppi sopraindicati, esso va classificato nel gruppo di rischio più elevato tra le due possibilità.
  3. L'allegato XLVI riporta l'elenco degli agenti biologici classificati nei gruppi 2, 3, 4.

Art. 269. - Comunicazione

  1. Il datore di lavoro che intende esercitare attività che comportano uso di agenti biologici dei gruppi 2 o 3 comunica all'organo di vigilanza territorialmente competente le seguenti informazioni, almeno 30 giorni prima dell'inizio dei lavori:
    1. il nome e l'indirizzo dell'azienda e il suo titolare;
    2. il documento di cui all'art. 271 (documento di valutazione del rischio), comma 5.
  2. Il datore di lavoro che è stato autorizzato all'esercizio di attività che comporta l'utilizzazione di un agente biologico del gruppo 4 è tenuto alla comunicazione di cui al comma 1.
  3. Il datore di lavoro invia una nuova comunicazione ogni qualvolta si verificano nelle lavorazioni mutamenti che comportano una variazione significativa del rischio per la salute sul posto di lavoro o, comunque, ogni qualvolta si intende utilizzare un nuovo agente classificato dal datore di lavoro in via provvisoria.
  4. Il rappresentante per la sicurezza ha accesso alle informazioni di cui al comma 1.
  5. Ove le attività di cui al comma 1 comportano la presenza di microrganismi geneticamente modificati appartenenti ai gruppi 2 e 3 (Decreto Legislativo 12 aprile 2001, n. 206)  il documento di cui al comma 1 lettera b), è sostituito da copia della documentazione prevista per i singoli casi di specie dal predetto decreto.
  6. I laboratori che forniscono un servizio diagnostico sono tenuti alla comunicazione di cui al comma 1 anche per quanto riguarda gli agenti biologici del gruppo 4.

Art. 270. - Autorizzazione

  1. Il datore di lavoro che intende utilizzare, nell'esercizio della propria attività, un agente biologico del gruppo 4 deve munirsi di autorizzazione del Ministero della Sanità.
  2. La richiesta di autorizzazione è corredata da:
    1. le informazioni di cui all'art. 269, comma 1;
    2. l'elenco degli agenti che si intende utilizzare.
  3. L'autorizzazione è rilasciata dal Ministero della Sanità sentito il parere dell'Istituto Superiore di Sanità. Essa ha la durata di 5 anni ed è rinnovabile. L'accertamento del venir meno di una delle condizioni previste per l'autorizzazione ne comporta la revoca.
  4. Il datore di lavoro in possesso dell'autorizzazione di cui al comma 1 informa il Ministero della Sanità di ogni nuovo agente biologico del gruppo 4 utilizzato, nonché di ogni avvenuta cessazione di impiego di un agente biologico del gruppo 4.
  5. I laboratori che forniscono un servizio diagnostico sono esentati dagli adempimenti di cui al comma 4.
  6. Il Ministero della Sanità comunica all'organo di vigilanza competente per territorio le autorizzazioni concesse e le variazioni sopravvenute nell'utilizzazione di agenti biologici del gruppo 4. Il Ministero della Sanità istituisce ed aggiorna un elenco di tutti gli agenti biologici del gruppo 4 dei quali è stata comunicata l'utilizzazione sulla base delle previsioni di cui ai commi 1 e 4.


THIS PAGE REFERENCES:
© 2000 SPP - Università di Padova - Autori:
Maria Letizia Gabriele
Ultima versione: luglio 2010
Browser consigliato: Netscape 3.0x o superiori